È evidente che il nostro posto di lavoro è diverso da quello dei nostri padri. Il nostro, poi, sarà diverso da quello dei nostri figli. Ma la domanda è: i nostri figli avranno ancora un luogo di lavoro? O, meglio, come si sviluppa il lavoro e – con esso – l’ambiente in cui lavoriamo?

Il famoso Copenhagen Institute for Future Studies ha elaborato, intorno a questa domanda, uno studio globale. A un pool di manager di Nord America, Europa e Asia è stato chiesto come pensano cambierà il lavoro in futuro e come dovrebbe adattarsi a questi cambiamenti la progettazione degli spazi di lavoro.

I principali risultati emersi sono:

  • la competizione per il talento si rispecchierà nel design dell’ufficio;
  • l’ufficio del futuro verrà modellato dalle nuove tecnologie e forme di lavoro;
  • i mega trend sociali avranno un impatto sul lavoro e la sua organizzazione.

I datori di lavoro attraenti offrono uffici interessanti

Le aziende possono avere successo a lungo termine solo se sanno attrarre e tratterenere i migliori talenti. Questo è vero oggi e sarà ancora più vero in futuro. Tanto è vero che esiste una gamma completa di strumenti per l’employer branding. Dalle opportunità di carriera allo sviluppo delle retribuzioni, fino alla progettazione degli uffici.

Nello studio del CIFS, i manager hanno anche confermato che quest’ultimo aspetto sta diventando sempre più importante. Uno su due afferma infatti che l’individualizzazione dell’ufficio diventerà sempre più importante per i dipendenti. La via porta lontano dallo standard, dagli uffici uniformi verso spazi più personali.

Una tendenza rafforzata dallo sbiadirsi del confine tra casa ufficio, sempre meno netto. L’ufficio sta diventando una seconda casa e la casa un prolungamento dell’ufficio. Ecco perché quest’ultimo deve essere individualizzato.

La flessibilità è un punto chiave. Come il lavoro sta diventando flessibile, così anche l’ufficio deve adattarsi a diversi tipi di lavoro senza per questo venire stravolto.

Nuove tecnologie, nuove forme di lavoro

I progettisti di uffici devono affrontare grandi sfide, quando si tratta di nuove forme di lavoro. La comunicazione personale, ad esempio, sta diventando sempre meno importante e i media tecnici sono sempre di più. L’ufficio del futuro deve essere in grado di supportare tali forme di comunicazione e di lavoro virtuale.

L’ambiente deve anche saper incoraggiare il lavoro di gruppo. Dato che il “cavaliere solitario” sta diventando sempre più raro e il lavoro in team sempre più importante, creare opportunità per luoghi di lavoro congiunti che possano essere allestiti o modificati con poco sforzo diventa un’esigenza sempre più sentita.

Inoltre, i progettisti del futuro si troveranno a lavorare con edifici intelligenti, capaci di gestire illuminazione, ventilazione, riscaldamento e raffreddamento ottimali, anche con cambiamenti di layout.

Mega trend evidenti anche in ufficio

Lo studio CIFS mostra anche quali megatrend avranno un ruolo nel plasmare l’ufficio del futuro. Tra questi c’è la sostenibilità. Questa modellerà ogni aspetto del nostro lavoro, a partire dal fatto che, per la stragrande maggioranza delle persone, non ci sarà un solo posto di lavoro per tutta la vita.

Piuttosto sarà importante favorire, tramite la progettazione dell’ufficio, un equilibrio tra vita privata e lavoro. Ciò significa rendere possibile lo scambio coi colleghi, un respiro profondo, un breve rilascio, la rigenerazione dal lavoro stressante di ogni giorno.