Il Bauhaus è stato fondato 100 anni fa, nel 1919, da Walter Gropius e ha cambiato la nostra visione dell’architettura e del design. Ma quale influenza ha avuto questo movimento sulla nostra idea di ufficio? E cosa è arrivato fino a oggi?

Gropius si era fissato come obiettivo quello di riunire arte e artigianato e di allinearli: “l’obiettivo finale di ogni attività artistica” dice Gropius “ è la costruzione”. Ma se il sostrato filosofico del movimento oggi è poco conosciuto, il linguaggio di progettazione chiaro e diretto del Bauhaus è diventato l’epitome del modernismo e, ovviamente, ha anche trovato la sua strada nel mondo del mobile, in particolare nell’arredamento per ufficio.

La forma deriva dalla funzione

La profonda influenza del Bauhaus sul design degli uffici può essere compresa dall’approccio principale: il design di un oggetto doveva seguire la sua funzione, dando così origine alla funzionalità. E cosa è più funzionale di un ufficio? Questo si traduce nelle linee chiare dei mobili Bauhaus a forma di scatola, nella rinuncia agli ornamenti e in un costo inferiore, perché il metodo di produzione è industrializzato.

La produzione favorevole ha soddisfatto le esigenze delle aziende e l’uso preferito di materiali come metallo e vetro. Mentre queste si stavano abituando alla calda atmosfera di un soggiorno, hanno soddisfatto le esigenze di rappresentanza e funzionalità dei dirigenti d’azienda. Ben presto, scrivanie sovraccariche, intarsi e possenti sedie da ufficio furono sostituite da mobili chiari, semplici e funzionali.

Cosa rimane del Bauhaus?

Anche se il Bauhaus ha compiuto 100 anni, ne siamo ancora influenzati. Tutto quello che devi fare è guardare le moderne forniture per ufficio, la cui estetica è anche il risuktato della loro funzionalità. Oppure: decoriamo i nostri uffici con foto e piante e non capiamo i mobili come elementi decorativi. Soprattutto, devono supportare un lavoro efficiente e rappresentare la filosofia aziendale. Che possano anche essere belli e senza tempo. Questo ci ha insegnato il Bauhaus.

Photo Credit: https://www.bauhaus100.de/presse/pressebilder/